feb 13 2016

PRC: solidarietà con gli attivisti denunciati durante l’occupazione degli Orti Urbani di Via Goito

Tag:admin @ 12:12

La Federazione livornese del Partito della Rifondazione Comunista sottoscrive l’appello di solidarietà con le cinque persone denunciate durante l’occupazione degli Orti Urbani di Via Goito, e invita cittadine e cittadini, forze politiche e sociali a fare altrettanto.

L’appello può essere letto sul sito http://www.livornoindipendente.it/orti-urbani-di-via-goito-cinque-denunciati-parte-una-campagna-di-solidarieta/

La segreteria della Federazione livornese del Partito della Rifondazione Comunista

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

nov 20 2015

Solidarietà ai condannati per le manifestazioni del 2012

Tag:admin @ 13:20

Come già durante il processo, la Federazione livornese di Rifondazione Comunista conferma la sua solidarietà ai condannati per i fatti accaduti nella nostra città dal 30 novembre al 2 dicembre 2012.

L’assoluta sproporzione tra i fatti contestati e le pene contenute nella sentenza, un totale di 34 anni di reclusione, fa pensare che siano voluti colpire in modo esemplare i movimenti livornesi per il loro impegno politicoe sociale avverso ai rappresentanti dei poteri forti, coi quali la mano del sistema giuridico è sempre più leggera.
Purtroppo la gestione delle emergenze sociali in chiave di ordine pubblico non è una novità, ma auspichiamo che nei prossimi gradi di giudizio le istanze delle difese vengano accolte e si possa finalmente girare pagina su quelle giornate in cui la nostra città è stata oggetto di intollerabili provocazioni.

La Segreteria della Federazione Livornese del Partito della Rifondazione Comunista

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

ott 27 2015

Comunicato di solidarietà con gli imputati nel processo per i fatti del 30 nov-2 dic 2012

Tag:admin @ 10:18

La Federazione livornese di Rifondazione Comunista esprime la più totale solidarietà nei confronti dei 22 imputati nel “maxiprocesso” per i fatti del 30 novembre/2 dicembre 2012. Al di là di ogni valutazione sui fatti contestati e sulla loro opportunità appoggiamo il lavoro, l’impegno e la lotta che i movimenti che si vuole colpire con questo processo hanno intrapreso in questi anni affinché a tutti fossero riconosciuti i propri diritti, dalla casa al lavoro, dal reddito fino alle battaglie ambientaliste che hanno sostenuto. Pensiamo che le condanne richieste siano un chiaro tentativo di opprimere un’intera area politica. Per queste ragioni, giovedì 29 ottobre saremo davanti al tribunale, insieme alle altre realtà cittadine che stanno esprimendo uguale solidarietà, uniti in un unico collettivo a contestare queste richieste di condanna.

La Segreteria della Federazione livornese del Partito della Rifondazione Comunista

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

ago 26 2015

Sull’incidente mortale in cantiere

Tag:admin @ 18:33

La Federazione livornese di Rifondazione Comunista esprime le proprie condoglianze ai familiari di Gabriele Petrone, morto in un incidente sul lavoro avvenuto sulla nave Urania, ferma ai lavori nel bacino di carenaggio livornese. Auguriamo inoltre una pronta guarigione per gli altri colleghi feriti, in particolare per Crocifisso Incorvato le cui condizioni cliniche sono ancora critiche. Ancora una morte sul lavoro nella nostra città avvenuta in ambito portuale.

La magistratura e gli organi ispettivi livornesi hanno aperto una indagine che farà il suo corso per accertare eventuali responsabilità. Rifondazione Comunista vuole sottolineare come dai dati nazionali INAIL risulta che nel periodo Gennaio – Giugno 2015 siano morti sul lavoro, in Italia, 490 persone a fronte del solito periodo dell’anno precedente nel quale le vittime sono state 457. L’altro dato preoccupante è che sempre nel solito periodo (Gennaio-Giugno 2015) la Toscana risulta essere (esclusi infortuni in itinere) seconda in graduatoria nazionale nel rapporto fra infortuni mortali e dato occupazione. Purtroppo in questi anni abbiamo assistito ad un allentamento in termini legislativi in materia di sicurezza sul lavoro, grazie alle logiche che vedono come costi, “lacci e lacciuoli” l’attivazione di strumenti e processi che guardino ad un progressivo e concreto miglioramento delle condizioni di sicurezza nei luoghi di Lavoro.

La Segreteria

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

giu 17 2015

Solidarietà agli studenti vittime dell’aggressione fascista a Firenze

Tag:admin @ 11:49
La federazione livornese del partito della Rifondazione Comunista esprime la propria solidarietà ai ragazzi che il 14 giugno, dopo aver partecipato ad un’iniziativa sindacale a Firenze, sono stati vittime di un’aggressione fascista.
E’ un evento che addolora ma purtroppo non stupisce: la presenza in diverse città toscane di sedi di movimenti che si richiamano al fascismo, una ideologia basata su violenza e sopraffazione, e la tolleranza nei loro confronti da parte delle istituzioni, non può che produrre questi frutti avvelenati.
Di fronte all’evidenza dell’insostenibilità globale del capitalismo, forse tra chi vuole mantenere lo status quo c’è chi pensa che la presenza di gruppetti di picchiatori fascisti possa tornare utile per intralciare e minacciare chi vuole costruire un sistema basato su uguaglianza, solidarietà e giustizia sociale; da parte nostra non ci stancheremo mai di mettere in luce il ruolo di “utili idioti” del capitale svolto da fascisti e razzisti di ogni risma.

La segreteria della federazione livornese di Rifondazione Comunista

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

giu 04 2015

Un commento sul risultato delle elezioni regionali

Tag:admin @ 22:31

si_toscanaRifondazione Comunista desidera ringraziare tutti i cittadini che hanno votato la  lista Sì-Toscana a Sinistra, e soprattutto i compagni e le compagne che hanno lavorato gratuitamente e con grande generosità per ottenere il massimo risultato possibile. Un ringraziamento particolare va al candidato Alberto Benedetti, dai consensi che ha ricevuto emerge non solo un forte legame con il territorio di Collesalvetti, ma un riconoscimento che va oltre quei confini. Risulta purtroppo evidente che i risultati ottenuti non siano però stati all’altezza delle nostre aspettative e dei nostri sforzi. Nonostante il risultato raggiunto a Livorno, anche nella nostra città il vero vincitore è stato l’astensionismo. Chiaramente, la Sinistra non è stata capace di intercettare la voglia di cambiamento che percepiamo nella nostra società, e di ripetere localmente il successo di Syriza e Podemos. Rifondazione Comunista non ha mai nascosto i ritardi ed i limiti nella costruzione della lista, ma ha deciso comunque di portare anche stavolta il proprio contributo, convinti che l’Aventino non rappresenti mai la soluzione migliore contro la barbarie incipiente. Non potevamo lasciare ancora più campo libero al futuro ottocentesco che il PD vuole costruire, dove i ricchi sono sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. Non potevamo rimanere da parte senza sfidare il razzismo profuso a piene mani dalla Lega Nord, e senza indicare lo sfruttamento del lavoro ed il potere della finanza come i veri nemici da abbattere. Siamo orgogliosi delle nostre scelte, ma occorre adesso capire che il progetto del Sì non è stato sufficiente; continueremo quindi a lavorare all’unità di una sinistra popolare, che nasca dal basso ed in continuità con la nostra proposta di alternativa emersa nelle scorse elezioni amministrative comunali, con  tutte le forze che ne hanno fatto parte, con tutte quelle che potrebbero farne parte in futuro, ma sopratutto con la maggioranza delle donne e degli uomini livornesi che chiedono ai comunisti ed alla sinistra di tornare ad essere protagonisti delle lotte e delle proposte politiche…

La Segreteria della Federazione Livornese del PRC

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

Pagina successiva »