Set 25 2017

Riflessioni sull’immigrazione

Tag:admin @ 22:07

IMMIGRAZIONE: La questione dell’immigrazione e dell’asilo rappresenta la contraddizione più significativa e lacerante dell’Europa contemporanea. Una contraddizione che chiama in causa economia e demografia, sicurezza e legalità, e che evoca profondi mutamenti geopolitici e antichi problemi storici tutt’ora irrisolti. Una contraddizione che si manifesta in questi ultimi anni, e che investe in particolare paesi come l’Italia posti lungo l’incerta frontiera tra “il mondo di qua e il mondo di là”. Questo per dire come la questione dei profughi e dei migranti costituisca un enorme tema politico tanto più complicato da affrontare in quanto intimamente correlato alla aggrovigliata matassa delle strutture economiche, sociali e giuridiche di un continente in crisi, che sta di fronte, o accanto, ed in cui difficilmente potranno fare ritorno se non obbligati come sta succedendo con il “bravo Minniti” tanto amato dalla destra xenofoba e razzista. Africa, Asia, Medio Oriente, da dove bambini, donne e uomini fuggono ed in cui difficilmente potranno fare ritorno.

Con i quasi 6 miliardi di euro, di cui già tre regalati alla Turchia del dittatore Erdogan, si potrebbero portare in Europa quasi tre milioni di rifugiati, identificati, registrati e pronti per essere inseriti nelle nostre società. Tecnicamente i corridoi umanitari sono resi possibili da una opportunità offerta dal regolamento dei visti europei del 2009, articolo 29, che prevede la possibilità di uno Stato di concedere visti eccezionali di validità temporanea per motivi umanitari. In Italia, ancora, non si tiene conto del progetto SPRAR (sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), modello che ha in sé tutti gli elementi per gestire l’accoglienza in maniera razionale. Al contrario di dà l’“accoglienza” in mano alle prefetture che operano “dall’alto” senza aver contatti con i cittadini del territorio prescelto, spesso innescando reazioni di razzismo e xenofobia. Ma noi di sinistra che possiamo fare? Certo è che non si può prendere decisioni solo per un tornaconto elettorale che viene poi dimenticato appena passate le elezioni, o gestire come argomento da specialisti che alla fine si occupano di economia, di lavoro, al limite di diritti civili o che magari continuano a rincorrere la destra sulle politiche della sicurezza, implementando i centri di detenzione per stranieri, scegliendo politiche proibizioniste e securitarie.

La sinistra-sinistra, che fa analisi condivisibili ma ancora non ha la consapevolezza necessaria per mettere il tema in prima linea sul piano delle priorità, con l’opinione pubblica, con la presenza nello spazio pubblico, dando nome e cognome ai migranti, portando storie e situazioni in evidenza, smontando le fake news della destra con fatti precisi ed inconfutabili, portando a conoscenza numeri veri delle presenze di immigrati in Italia e di richiedenti asilo, facendo progetti importanti di accoglienza con i comuni per gli SPRAR, con forti richieste continue al governo per l’apertura di corridoi umanitari, per la richiesta della cancellazione del trattato di Dublino, per i permessi di soggiorno umanitario secondo l’art. 29 del trattato sui visti europei del 2009, facendo grande pressione per la cittadinanza ai bambini nati in Italia da genitori stranieri con lo “ius soli”, valorizzando il dettato della Costituzione riguardo al diritto di asilo e sull’inviolabilità dei diritti della persona umana … Ritrovare fra noi di sinistra il senso della comunità e dell’appartenenza, anche innescando un nuovo conflitto politico, ritornando davvero in quei territori tanto “parlati” e mai veramente “occupati”…Insomma care compagne e compagni, come diceva Berlinguer “ricominciamo a prendere nuovamente il tram”!

Mariella Valenti – Responsabile immigrazione Federazione Livornese Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

Lascia una risposta