ott 27 2015

Comunicato di solidarietà con gli imputati nel processo per i fatti del 30 nov-2 dic 2012

Tag:admin @ 10:18

La Federazione livornese di Rifondazione Comunista esprime la più totale solidarietà nei confronti dei 22 imputati nel “maxiprocesso” per i fatti del 30 novembre/2 dicembre 2012. Al di là di ogni valutazione sui fatti contestati e sulla loro opportunità appoggiamo il lavoro, l’impegno e la lotta che i movimenti che si vuole colpire con questo processo hanno intrapreso in questi anni affinché a tutti fossero riconosciuti i propri diritti, dalla casa al lavoro, dal reddito fino alle battaglie ambientaliste che hanno sostenuto. Pensiamo che le condanne richieste siano un chiaro tentativo di opprimere un’intera area politica. Per queste ragioni, giovedì 29 ottobre saremo davanti al tribunale, insieme alle altre realtà cittadine che stanno esprimendo uguale solidarietà, uniti in un unico collettivo a contestare queste richieste di condanna.

La Segreteria della Federazione livornese del Partito della Rifondazione Comunista

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

ott 14 2015

Sabato 17 ottobre, presidio in difesa della Costituzione

Tag:admin @ 10:20

costituzionePRESIDIO IN DIFESA DELLA COSTITUZIONE

Sabato 17 ottobre, a Livorno ritroviamoci alle ore 11:00 in Piazza dell’Unita’ d’Italia (di fronte alla prefettura)!

Il PD di Renzi sta mettendo mano alla Costituzione, “riformando” Senato e Titolo V. E’ evidente il progetto di spianare la strada a forme di governo ancora più oligarchiche; vogliono una politica sempre più asservita agli interessi economici dei soliti poteri forti. Contro questo indegno tentativo invitiamo tutte le cittadine e cittadini, tutte le forze politiche e sociali democratiche e antifasciste a partecipare ad un presidio in difesa dei valori costituzionali e contro i tentativi di stravolgere la Costituzione da parte del PD e dei suoi alleati.

Martedi 13 ottobre si è definitivamente chiusa la prima lettura, da parte delle Camere, della modifica della nostra Costituzione. Il testo approvato modifica radicalmente l’impianto della Carta così come fu concepito dai costituenti, alterando in maniera radicale i delicati meccanismi di pesi e contrappesi che contraddistinguono le democrazie parlamentari, alterandone il funzionamento a danno delle minoranze, dell’incisività del dibattito politico e della partecipazione. Con la scusa del superamento del bicameralismo perfetto e la trasformazione del Senato in una camera delle autonomie con limitati poteri legislativi, si accentua ancora di più l’esautoramento delle Camere come luogo di elaborazione normativa, a tutto vantaggio della facoltà di indirizzo e contingentamento dei lavori voluti dall’esecutivo. Questa cosiddetta “riforma” ci allarma nel metodo e nel merito perchè riteniamo che, fin dal prossimo futuro, assisteremo ad una considerevole restrizione delle possibilità di dibattito ed indirizzo in capo alla Camera a tutto vantaggio di una dittatura della maggioranza nelle forme e nei contenuti.

Noi comunisti crediamo che non ci sia nulla da riformare nella nostra Costituzione e che piegare quest’ultima sull’altare della governabilità del paese non sia solo delirio, ma bensì il compimento finale del piano di rinascita nazionale della loggia massonica P2. Ovvero l’assorbimento degli apparati democratici della società italiana all’interno di un autoritarismo legalizzato ed incardinato sulla manipolazione ed il controllo dell’informazione. Scrosci di applausi stanno salutando lo smantellamento delle nostre libertà e della nostra partecipazione alla vita democratica, perchè molti nemici sono stati creati ad arte affinchè si raggiungesse il consenso necessario a questa operazione, “casta” politica compresa. Rabbia, indolenza e sconforto degli italiani ne sono sintomo e conseguenza.

Tre mesi ci separano adesso dall’inizio del secondo e definitivo passaggio parlamentare per l’approvazione finale del testo. Lanciamo un appello a tutte le forze della nostra città che ancora si riconoscono nei valori fondativi della Repubblica, nati dalla lotta di resistenza partigiana, al fine di sensibilizzare e mobilitare la cittadinanza contro lo smantellamento delle proprie prerogative costituzionali. Vi aspettiamo sabato 17 ottobre dalle 11,00 in Piazza Unità d’Italia per il primo presidio informativo e di protesta. Resistiamo!

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

ott 08 2015

Quarta giornata nazionale “Sfratti Zero”

Tag:admin @ 22:15

sfratti_zero_PRCLa federazione livornese di Rifondazione Comunista aderisce alla 4ª giornata nazionale “Sfratti Zero”, promossa da Unione Inquilini: per la città di Livorno l’appuntamento per tutti/e coloro che vogliono partecipare al presidio è sabato 10 ottobre 2015, alle ore 10:00, presso piazza Grande.

In oltre 50 città italiane ci saranno iniziative per sostenere politiche pubbliche di contrasto agli sfratti, per il passaggio da casa a casa e per chiedere l’aumento dell’offerta di alloggi a canone sociale anche attraverso l’uso dell’immenso patrimonio immobiliare pubblico, demaniale civile e militare, oggi inutilizzato.

Le politiche abitative del governo Renzi, col piano casa Lupi, sono fallimentari e le amministrazioni locali si mostrano incapaci di interventi significativi. In un territorio in crisi come quello livornese la cosa è ancora più drammaticamente evidente: Livorno è una delle città più colpite da sfratti.

Per questo parteciperemo al presidio di sabato, e invitiamo tutta la cittadinanza a fare altrettanto.

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest