set 22 2009

CONTROCORRENTE – Periodico di controinformazione dei Giovani Comunisti

Tag:admin @ 10:34

    
Fronte

Retro

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

set 21 2009

PRC-PDCI:”C’è ancora la possibilità di salvare l’attività produttiva ed i posti di lavoro alla Giolfo & Calcagno”

Tag:admin @ 16:34

L’incontro delle Istituzioni locali e delle OO.SS. con la rappresentante legale della Giolfo & Calcagno, previsto per mercoledì 23/9, deve tirare fuori, dopo mesi di silenzio e di attesa snervante per le lavoratrici ed i lavoratori, dei risultati positivi.
Sentiremo come le proposte dell’Azienda intendono rispondere alla grave emergenza sociale che essa ha aperto nel nostro territorio.
Per quanto riguarda il ruolo che le Istituzioni locali e gli altri Enti pubblici possono e debbono svolgere in questa vicenda, crediamo sia indispensabile arrivare a quel tavolo con la ferma volontà di salvare un’attività produttiva (ed i relativi posti di lavoro, circa 120 con l’indotto) che può continuare ad essere una risorsa importante per la città.
L’attività potrebbe probabilmente avere ancora sufficienti spazi economici, non del tutto compromessi dalle azioni unilaterali della società genovese. E’ realistico pensare che una parte significativa del processo produttivo della Giolfo abbia ancora margini concreti per essere svolto nel nostro territorio a servizio della rete commerciale toscana e non solo.
Entrando anche in sinergia con altre attività similari legate al Polo Agro-Alimentare, in procinto di partire all’interno del Porto.
In quest’ottica, sarebbe un fatto importante che Enti Pubblici come l’Autorità Portuale e la Camera di Commercio, si facessero promotori di uno studio, per verificare fino in fondo le possibilità di rilancio e di sinergia esistenti.
Ma accanto a questo, occorre che l’Autorità Portuale vincoli la continuazione dell’utilizzo della banchina e delle aree demaniali da parte dell’azienda ed eventuali investimenti strutturali pubblici, al riassorbimento completo di chi si è visto sottrarre il posto di lavoro.
 
Livorno, 21 settembre 2009
 
        Alessandro Trotta                                     Michele Mazzola
(segr. PRC – Fed. di Livorno)                    (segr. PDCI – Fed. di Livorno)

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

set 19 2009

Conferenza Stampa della Federazione della Sinistra d’Alternativa (PRC e PDCI) sulla raffineria Eni di Livorno

Tag:admin @ 17:17

Si è tenuta stamani in Borgo dei Cappuccini 278 a Livorno, la conferenza stampa della Federazione della Sinistra d’Alternativa (PRC e PDCI) livornese sulla Raffineria ENI.
Vi hanno partecipato Tiziana Bartimmo, capogruppo della lista comunista al Comune di Livorno, Michele Mazzola, Segretario PDCI Fed. Livorno e capogruppo provinciale, Alessandro Trotta, Segretario PRC Fed. di Livorno.
Tiziana Bartimmo ha espresso un giudizio molto positivo sui risultati delle mobilitazioni di queste settimane da parte dei lavoratori, che insieme all’iniziativa delle Istituzioni locali, ha permesso di riportare il problema del destino della Raffineria al necessario costante rapporto di ENI con il territorio.
L’aspetto che resta un punto interrogativo ancora aperto, è l’ipotesi di vendita al fondo d’investimento Klesch. La preoccupazione è che questa ipotesi non sia del tutto tramontata, nonostante i vincoli stabiliti dal documento sottoscritto al Ministero dello Sviluppo Economico, e che si possa concretizzare quel trasferimento e l’uscita dal nostro territorio di ENI: l’unico soggetto industriale a natura pubblica (per quanto parziale) rimasto nella realtà livornese, dopo le grandi privatizzazioni degli anni ’80-‘90.
Michele Mazzola si è soffermato sull’azione importante svolta, in modo particolare, dal Comune di Collesalvetti e dalla Provincia di Livorno, per bloccare ogni scelta unilaterale da parte di ENI.
Ha sottolineato il contributo proficuo delle Organizzazioni Sindacali in questa vertenza, rispondendo così agli attacchi della destra di questi giorni contro CGIL-CISL-UIL.
Una destra che in queste settimane di lavoro intenso politico, istituzionale e sindacale ha mirato essenzialmente alla visibilità, senza portare nessun contributo positivo ad affrontare le questioni aperte e a rafforzare il fronte territoriale a sostegno di una via d’uscita significativa per la collettività livornese.
In conclusione, Alessandro Trotta ha rilevato come non debba essere data ancora per persa la battaglia contro la vendita della Raffineria ad un altro soggetto, per tutte le garanzie che, nonostante l’atteggiamento tenuto in questa vicenda, ENI può riuscire ancora a dare al profilo industriale della propria presenza a Livorno.
Questa battaglia si può giocare veramente fino in fondo solo se si riesce su base nazionale, unendo tutte le realtà che stanno vivendo il disimpegno di ENI dai propri territori, ad imporre un’inversione di marcia nella strategia del colosso economico-finanziario, che punta chiaramente a dismettere il proprio impegno industriale nel nostro paese, come dimostrano drammaticamente i dati sugli investimenti di ENI.
Nel 2007-2008 su un monte investimenti complessivo di 25 miliardi di Euro, il settore raffinazione ha visto destinate risorse per circa 600 milioni di Euro annui.
 
Livorno, 19 settembre 2009

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

set 18 2009

Accordo sulla Raffineria ENI del 17/09/2009 al Ministero dello Sviluppo Economico

Tag:admin @ 11:19

      

 stampa   Il Tirreno,   La Nazione,  Il Corriere di Livorno,   QN.

“Al termine dell’incontro preso il MISE dove si è avviata la discussione sul futuro della Raffineria ENI di Livorno, sono stati individuati e condivisi i seguenti punti che costituiscono altrettanti temi di lavoro:

  • la presenza della Raffineria di Livorno rappresenta un fattore cruciale per il futuro dell’economia del territorio;
  • la presenza di ENI sul territorio livornese deve essere garantita oltre la specifica questione della Raffineria, poiché costituisce un fattore non eludibile per le prospettive di tutto il territorio livornese;
  • in ogni caso, qualsiasi soluzione per la Raffineria deve positivamente affrontare:
  1. investimenti adeguati per l’innovazione di processo che consentano di traguardare l’impianto per il lungo periodo;
  2. il mantenimento dei livelli occupazionali diretti e dell’indotto;
  3. la tutela dei diritti acquisiti dai lavoratori;
  4. la tutela effettiva della salute, della sicurezza e dell’ambiente;
  • per dare concretezza a quanto convenuto si individua il MISE quale sede di monitoraggio e confronto in stretto collegamento con le istituzioni, l’Azienda e le OO.SS. Gli incontri saranno attivati immediatamente su richiesta delle Parti e, comunque non appena si presentino soluzioni industriali;
  • In questo ambito, ENI si è impegnata prima dell’avvio di negoziati concludenti, a presentare il progetto industriale;
  • Le OO.SS. si impegnano a sottoporre ai lavoratori le decisioni assunte nel presente verbale ed a proporre la revoca delle iniziative in atto e già programmate.
     
    Firmato
    Ministero dello Sviluppo Economico
    Provincia di Livorno
    Regione Toscana
    Comune di Livorno
    Comune di Collesalvetti
    OO.SS.: CGIL-CISL-UIL-UGL

 

   

Documento download doc2 

In sala della provincia è stato anche detto di aver affrontato il problema crisi sulla componentistica Auto ( Delphi ) il presidente della provincia esprime tutto il suo impegno nel trovare soluzioni.

 

 

 

 

 

 

 

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

set 17 2009

Intervento sulla Campagna Nazionale contro la crisi e contro le politiche del Governo

Tag:admin @ 18:53

      

 
“In lotta con gli operai”, è con questo slogan che abbiamo aderito alla campagna nazionale promossa dai Giovani Comunisti e dalla FGCI contro le politiche del governo Berlusconi.
In un periodo di crisi come, quello che stiamo attraversando oggi, gli unici provvedimenti del governo in materia economica vanno in direzione soltanto di banche e industriali, ai quali confluiscono aiuti di Stato a pioggia; per studenti e lavoratori, invece, non rimangono invece che sacrifici e licenziamenti! La crisi, al contrario di quanto ci dice Berlusconi, è appena iniziata. Da settembre decine di migliaia di lavoratori hanno finito la cassa integrazione, centinaia di migliaia sono le lavoratrici e i lavoratori già senza lavoro. Nel frattempo, restano invisibili i precari e tutti coloro i quali, con un contratto a tempo determinato, sono rimasti per primi a casa. Quale futuro possiamo avere senza la certezza di un lavoro e di un reddito?!
In questo quadro la situazione livornese è ancora più drammatica, numerose sono le fabbriche in crisi, i cui lavoratori o hanno già perso o rischiano di perdere il posto di lavoro. Da giorni sono in corso i presidi dei lavoratori e lavoratrici dell’Eni, della Delphi, della Giolfo e Calcagno.
Esprimiamo estrema solidarietà a tutti i lavoratori e ne sosteniamo la lotta; chiediamo agli studenti e ai cittadini di partecipare con i lavoratori a queste proteste. Alle istituzioni nazionali e locali chiediamo invece risposte chiare e certe poiché il futuro della città dipende dal futuro di chi lavora.
 
Agnese Caselli – Coordinatrice provinciale FGCI

Niccolò Gherarducci – Coordinatore provinciale Giovani comuniste/i

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

set 17 2009

Eni: incontri della 9° giornata di presidio

Tag:admin @ 1:40

         
 

 

 

Bacci: «Garanzie da chi subentra»
Sicurezza e occupazione al centro del documento votato dal consiglio

 

COLLESALVETTI. Mancano meno di ventiquattro ore al summit di via Molise a Roma e la seduta del consiglio comunale di Collesalvetti che il sindaco Lorenzo Bacci ha voluto aprire alla cittadinanza, straripa. Dentro non ci sono solo i rappresentanti delle istituzioni che oggi pomeriggio avranno il super richiesto faccia a faccia con il governo. A riempire la sala non sono neanche solo i lavoratori, ma una buona fetta della cittadina di Stagno che teme di perdere la propria identità. Perché “lo stabilimento” è una delle eliche del dna che ha portato alla nascita di Stagno. Alla frazione ha chiesto tanto in termini ambientali. E adesso è forte il timore che tutto questo non sia servito a mantenere stabile l’occupazione nel tempo.
Il documento che sindaco e giunta mettono ai voti (e che oggi finirà sul tavolo del ministero dello sviluppo economico insieme a quello approvato dal consiglio comunale di Livorno) parla chiaro. Al governo verrà chiesto che Eni rimanga l’interlocutore con tanto di assunzione della connessa responsabilità sociale e che individui un soggetto industriale con esperienza nel settore della raffinazione in grado di dare garanzie paragonabili a quelle sin ora offerte dal cane a sei zampe, sul fronte occupazione come sulla sicurezza. Con l’auspicio che il tavolo non sia un episodio isolato ma l’inizio di un percorso, che diventi la cabina di regia dalla quale muovere insieme le pedine di questo complesso risiko.
«La parola d’ordine sarà investimenti» promette Bacci. «Se Eni si disimpegna aprirà creerà un precedente per cui sarà sempre più difficile convincere le multinazionali a non delocalizzare», sottolinea il presidente della Provincia Giorgio Kutufà. Ma sarà una trattativa dura, non nasconde certo le difficoltà il sindaco di Livorno Alessandro Cosimi: «Il messaggio che mando sin da adesso è che serve unità istituzionale. Mi farebbe piacere che a questo tavolo sedessero anche le associazioni datoriali, per far vedere che il problema non è politico, ma di sviluppo.»
«L’unità c’è e si è creata una filiera istituzionale che punta alla salvaguardia dei posti di lavoro», assicura Marcella Amadio, presente alla seduta in rappresentanza del consiglio regionale. «Ma – ammonisce – non illudiamo le persone sbandierando poteri che non ci sono. Se Eni vorrà vendere a Klesch, lo farà e basta.»

Articolo de IL Tirreno 

 

 

 

  Ieri pomeriggio (mercoledì 16/9) presso il presidio davanti all’ingresso della Raffineria, c’è stato un importante incontro dei lavoratori ENI con Matteo Gaddi del Dipartimento naz.le Lavoro di Rifondazione Comunista, un compagno che da anni s’interessa delle dinamiche che stanno investendo il settore della chimica, della petrolchimica e della raffinazione nell’area del Nord-NordEst.
E’ stata l’occasione per un confronto tra esperienze diverse e per socializzare le informazioni sulle strategie di ENI, in merito al settore della raffinazione ed in generale della sua attività produttiva-industriale nel nostro paese.
Ne è uscito fuori un quadro preoccupante, il disegno di ENI è infatti l’uscita, almeno in Italia, dal settore industriale, in genere a bassa redditività (rispetto ad altri).
Per investire le proprie risorse sul settore energetico e la commercializzazione.
Lo dimostrano le scelte di investimento (e di non investimento) di questi anni: nel biennio 2007-2008 su un monte totale di 25 miliardi di Euro all’attività industriale sono andate le briciole: appena 357 milioni.
Di fronte a questo dato generale esce un elemento chiaro.
ENI vuole vendere tutte quelle strutture “impegnative” e meno proficue rispetto alle aspettative di profitto dei propri azionisti. E Livorno, proprio per la mancanza d’investimenti di questi anni, ha dei problemi reali di adeguatezza industriale.
Ma non solo. Vuole vendere a soggetti che non spezzino il suo monopolio in Italia e quindi escludere ogni ipotesi di cessione della Raffineria ad altre società del settore.
Quindi si comprende perché venga fuori l’ipotesi Klesch, un fondo d’investimento e non un soggetto industriale!
Quindi il no a Klesch assume un valore politico più generale, perché è un no chiaro alla strategia di ENI di trovare un interlocutore essenzialmente finanziario per la vendita dello stabilimento.
L’unica alternativa credibile a questa soluzione, è che ENI riapra il capitolo di investimenti e metta nelle condizioni la Raffineria di Livorno di tornare ad essere adeguata sul piano tecnologico-industriale e quindi anche economico-finanziario ed ambientale.
In questo modo, si salva il monopolio di ENI, si mantiene un sito industriale importante per un paese che sta perdendo aziende e realtà produttive preziose, si garantisce la vita di oltre 1.000 famiglie nel nostro territorio.
Ma questa battaglia va posto al giusto livello, perché altre realtà come Livorno hanno pagato, stanno pagando e pagheranno quest’orientamento di ENI.
Per avere successo serve allargare il fronte di lotta a tutti quei territori che con noi hanno interesse a rilanciare il ruolo industriale di ENI nel nostro paese.
Ringraziamo Matteo Gaddi che ha posto in modo chiaro questa esigenza e ha messo sul piatto la disponibilità ad operare per allargare a Livorno quel Tavolo Nazionale della Chimica che vede già presenti realtà importanti come Marghera, Ferrara, Mantova, Ravenna ecc., unite proprio per conseguire quest’obiettivo.
Fuori da questo dilemma (vendita a soggetto finanziario o rilancio degli investimenti ENI), difficilmente ci può essere una terza via, ma non c’è neanche alternativa al riprendere il discorso sugli investimenti.
Perché ENI vorrà pur vendere il proprio stabilimento, quel che non può proprio neanche pensare di fare è di mettere in vendita anche il corpo, la vita ed il futuro di chi ci lavora e di un intero territorio.
Redazionale PRC

FacebookTwitterGoogle+TumblrPinterest

Pagina successiva »